BéBert Edizioni | I pompieri non escono per le donne in lacrime
1384
post-template-default,single,single-post,postid-1384,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

I pompieri non escono per le donne in lacrime

I pompieri non escono per le donne in lacrime

Giovedì 5 giungo uscirà il nuovo libro di racconti di Lisa Biggi
I pompieri non escono per le donne in lacrime”. Sarà un libro particolare perché inaugura la sotto collana di narrativa Gli illustrati grazie a cinque bellissime tavole di Letizia Iannaccone.

 

Chi è il temibile signor Rosati? E perché si ostina a spegnere mozziconi di sigaretta sugli zerbini dei condomini? Quanto è importante la riproduzione delle balene durante il primo appuntamento? Come si può uscire con decoro dallo spogliatoio della piscina comunale? Nove racconti, ironici, malinconici e divertenti. Il tema è la felicità, un paradossale miraggio a portata di mano. Una ricerca metropolitana che si dilata coralmente, ritmando incontri, fughe, appostamenti, separazioni e visioni. In tutti i racconti aleggia l’atmosfera acre della città e del nostro tempo, il senso dell’attesa e l’infinita distanza tra le persone.
È un libro che parla delle vite di tutti noi, di questo tempo precario e dilatato, e di ciò che resta ai margini delle nostre coscienze, sulla linea dell’ombra.

Le cinque illustrazioni (partendo da quella in copertina) creano una piccola narrazione sullo sguardo, inteso sia esterno che interno alla protagonista dei racconti. La prima tavola vuole essere una panoramica sulla quotidianità, proseguendo, lo sguardo diventa sempre più introverso e favolistico, un po’ solitario, simile ad un racconto che facciamo a noi stessi.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.