BéBert Edizioni | Campagna pagine contro la tortura
2367
post-template-default,single,single-post,postid-2367,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Campagna pagine contro la tortura

Campagna pagine contro la tortura

Bèbert edizioni aderisce alla campagna Pagine Contro la Tortura.

“Il regime di 41bis è il punto più rigido della scala del trattamento differenziato che regola il sistema carcerario italiano. Da alcuni mesi chi è sottoposto al regime previsto dall’art. 41bis dell’ordinamento penitenziario non può più ricevere libri, né qualsiasi altra forma di stampa, attraverso la corrispondenza e i colloqui sia con parenti sia con avvocati: i libri e la stampa in genere si possono acquistare solamente tramite autorizzazione dell’amministrazione.”

La campagna “Pagine contro la tortura” è partita nell’agosto 2015; da allora diverse case editrici hanno messo a disposizione propri titoli: questi volumi sono stati spediti in tutte le 13 carceri aventi sezioni a 41bis, con richiesta di rendere disponibili i testi per i detenuti in 41bis ponendoli nelle biblioteche interne. Insieme coi libri, contestualmente, sono state spedite raccomandate indirizzate “per conoscenza” agli uffici dei magistrati di sorveglianza e ai garanti dei detenuti. Sono stati inoltre inviati libri direttamente ad alcuni nominativi di detenuti in 41bis.

 

Appello per la campagna

 

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.